Il Latte d’Oro (Golden Milk): ottima bevanda e prezioso rimedio ayurvedico

     

    Il Latte d’Oro (Golden Milk)

     

    Il Latte d’Oro è difficile da categorizzare; una bevanda da gustare oppure un potente rimedio che tutti devono conoscere?
    L’ingrediente principale, ovvero la curcuma (Curcuma longa), vanta delle caratteristiche più che straordinarie per la salute grazie alla curcumina ed altri fitocostituenti presenti.
    Da quando l’Occidente si è accorto dell’uso di questi rizomi nella Medicina Tradizionale Orientale, crescono sempre di più i fondi per finanziare le ricerche sulle proprietà terapeutiche: antinfiammatorie, antiossidanti, antimutagene, antidiabetiche, antibatteriche, epatoprotettive, espettoranti e persino antitumorali.

    Ma al di là degli aspetti salutistici, personalmente amo così tanto il Golden Milk da berlo indipendentemente dallo stato di salute o dalle stagioni: fumante in inverno, con qualche cubetto di ghiaccio in estate, sempre buono e sempre funzionale.
     

    Cosa significa Latte d’Oro o Golden Milk?

    Se vogliamo sono nomi d’arte dati dagli occidentali al potente rimedio ayurvedico di origine Indiana: Haldi Doodh (come lo chiamano nel Nord India) o Bevanda di Curcuma, che spesso può risultare a molti poco invitante.
    Benché dunque il nome Latte d’Oro sia relativamente recente, di certo non è campato in aria, anzi: grazie alla presenza della curcuma, ricca di pigmenti arancioni, il liquido denso che si realizza nella tazza ha dei riflessi proprio di oro luccicante.
     

    Quali benefici offre il Latte d’Oro e come?

    Come anticipato il Latte d’oro viene utilizzato in India da secoli come toccasana per diversi disturbi; e negli ultimi 40 anni la comunità scientifica occidentale sta dedicando enormi fondi e sostegni per ricerche approfondite sulle sue effettive azioni farmacologiche.
    Ecco alcuni dei numerosi benefici scientificamente approvati della curcumina, la principale molecola terapeutica della curcuma:

    – è un potente antisettico e antibatterico quando siamo debilitati, il perfetto equilibrio dei microorganismi che regna nel corpo si altera, favorendo la crescita dei batteri o virus patogeni. L’assunzione della curcuma torna molto utile nel ripristinare l’armonia perduta [1,2,3] ed eliminare velocemente i sintomi del malessere;

    – è ricca di antiossidanti utili non solo nel combattere i radicali liberi ma anche a stimolare il meccanismo antiossidante del corpo stesso [4,5];

    – possiede proprietà antitumorali [6, 7, 8, 9, 10] – specialmente per i cancri del colon, del seno e della prostata, della pelle e della leucemia; naturalmente per conclusioni scientifiche di tale portata occorrono studi più numerosi, effettuati su più persone e per periodi prolungati; ma allo stesso tempo non possiamo nemmeno negare la correlazione tra la proprietà antiossidante e dunque l’effetto antitumorale;

    – è un epatoprotettore (protegge la salute del fegato) [11,12] – e agisce anche da antidiabetico e ipolipidemizzante [13];

    – è un incredibile antinfiammatorio – grazie alla curcumina che inibisce un gran numero di molecole diverse coinvolte nell’infiammazione, tra cui fosfolipasi, lipoossigenasi, prostaglandine, collagenasi, elastasi e tante altre ancora [14, 15]; rendendolo un grande alleato verso diversi disturbi quali artrosi e artrite reumatoide, difficili da trattare;

    – e tra le altre cose molto utili per mantenere una vita sana, va senz’altro sottolineata la sua capacità antidepressiva; e chiaramente stimolando la produzione della serotonina, agevola il sonno e migliora l’umore [16, 17].

    Nota

    Non so dirvi se funzioni nella stessa maniera per ogni individuo, posso però condividere la mia esperienza: tempo addietro, in seguito a una difficile estrazione dentale, mi curai una tremenda infiammazione proprio con il latte d’oro! Da quel giorno ogni qual volta avverto nel corpo qualcosa che non va, mi gusto un bel bicchierone di Golden Milk: la sensazione di sollievo è reale e rapida; non credo si tratti di una semplice coincidenza o di auto-convincimento, poiché basta dare un’occhiata alla bibliografia del presente articolo o fare una ricerca sul web per capire quanto questo superfood sia davvero formidabile.

     

    Conosci la differenza tra prebiotico e probiotico?
    Se si, sai quali alimenti ne sono ricchi?
    E sai anche che puoi prepararli a casa, senza spendere un’enormità?

     


    Tempo:        prep. 3 min
                         cott. circa 10 min
    Difficoltà:    molto facile
    Dosi:            1 persona
    Costo:          basso


    Ricetta originale indiana del Latte d’Oro

    L’occidente non ha modificato solo il nome di questa bevanda, ma anche la ricetta.
    L’originale formula dell’Haldi Doodh (o Haldi Ka Doodh – Bevanda di Curcuma Calda) è veramente semplice e gli ingredienti sono facilmente reperibili per chiunque:

    1 cucchiaio di polvere di curcuma da sciogliere nel latte caldo, o nel tè, o persino nell’acqua calda
    – eventualmente aggiungere del miele
    Tutto qui.
     

    1 – ricetta del Latte d’Oro con la polvere di curcuma – 1 porzione

    1 cucchiaino di polvere di curcuma oppure 2.5 cm di curcuma fresca grattugiata
    200 ml di latte o bevanda vegetale come soia, avena, mandorle o tè o acqua
    una presa generosa di pepe nero (opzionale*)
    1/2 cucchiaino olio di mandorle, o olio di sesamo, o ghee, o burro, o burro di cocco (opzionale*)

    per addolcire e aromatizzare

    un cucchiaino di miele, o un dattero tritato, o una foglia di stevia, o sciroppo di acero, o altro dolcificante naturale (opzionale)
    una presa di cannella (opzionale)
    1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato, o mezzo cucchiaino di zenzero in polvere (opzionale)
    1 bacca di cardamomo o in polvere (opzionale)

    Consiglio Extra (*)

    Negli ingredienti che ho indicato troverete qualche extra, tra cui l’olio e il pepe nero. Benché sia vero che il Latte d’Oro ha protetto il popolo indiano dalle malattie per secoli tramite la semplice formulazione sopra indicata, la scienza moderna ci insegna che aggiungere (in particolare) questi due reperibilissimi componenti, può solo che migliorare l’effetto ad un livello esponenziale.
    Pertanto pepe nero e olio sono opzionali solo nel caso vogliate bere il Golden Milk giusto per il suo gusto; altrimenti, come detto, per una concreta efficacia terapeutica, dovrete assolutamente aggiungervi:

    – il pepe nero che grazie al suo effetto sinergico, raddoppierà i benefici della curcuma;

    – l’olio (o altro per poter accedere agli antiossidanti liposolubili presenti in questo elisir;

    Per sapere di più sui nutraceutici leggere qui

    Procedimento

    Fate portare ad ebollizione il latte o bevanda vegetale di vostro gradimento.
    Non appena inizia a bollire spegnete il fuoco ed aggiungete tutti gli ingredienti che farete sciogliere mescolandoli bene con un cucchiaio; oppure, per un effetto vellutato, tramite un monta latte: il Golden Milk è pronto per essere gustato.

    Nel caso abbiate usato la curcuma fresca non dimenticate di filtrare il golden milk prima di aggiungere gli altri ingredienti.

    Qualora siate diventati assidui consumatori di Golden Milk, o magari volete provare la terapia ayurvedica, la quale ne prevede l‘assunzione per 40 gg consecutivi, apprezzerete il metodo più pratico: preparate in anticipo la pasta di curcuma in quantità, da utilizzare comodamente alla bisogna.

    Ricetta della Pasta di curcuma

    Occorrono:

    5 cucchiai di polvere di curcuma o 15 cucchiai di curcuma fresca grattugiata
    100 ml di acqua
    1 cucchiaio raso di pepe nero
    3 cucchiai di olio o grasso che volete usare

    Mettete la polvere di curcuma dentro un pentolino; mescolate con un cucchiaio; versate piano piano l’acqua fino ad ottenere una pasta densa ma comunque liquida (quindi se serve addizionare più acqua).
    Quando inizia a bollire, unitevi il pepe nero insieme al grasso/olio scelto; mescolate bene e fate cuocere la pasta di curcuma per circa 7-8 minuti a fuoco dolce.
    Travasate la pasta ottenuta dentro un barattolo di vetro con coperchio; una volta raffreddata a temperatura ambiente, trasferitela dentro il frigo: si conserverà fino a 2 settimane

    Se ritieni importante il mio lavoro, il tuo supporto è fondamentale:
    una piccola donazione porterà avanti la Rivoluzione!
    Grazie

    2 – Ricetta con la pasta di curcuma – 1 porzione

    200 ml di latte
    1 cucchiaino di pasta di curcuma

    per addolcire e aromatizzare

    un cucchiaino di miele, o un dattero tritato, o una foglia di stevia, o sciroppo di acero, o altro dolcificante naturale (opzionale)
    una presa di cannella (opzionale)
    1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato, o mezzo cucchiaino di zenzero in polvere (opzionale)
    1 bacca di cardamomo o in polvere (opzionale)
     

    Procedimento

    Portare ad ebollizione il latte, aggiungere dentro un cucchiaino di pasta di curcuma e mescolare bene con gli altri ingredienti.

    Nel caso abbiate usato la curcuma fresca non dimenticate di filtrare il latte d’oro prima di aggiungere gli altri ingredienti.
     

    3 – Ricetta del Latte d’Oro freddo

    Preparate in anticipo il Latte d’Oro secondo la ricetta 1 o 2, usando comunque il latte caldo; dopo averlo fatto raffreddare a temperatura ambiente, trasferitelo in frigo per 2 ore, oppure aggiungete dei cubetti di ghiaccio.

    Questo procedimento è utile per aumentare la solubilità delle molecole nutraceutiche: in tal modo la bevanda miracolosa potrà aiutare ad alleviare i vari disturbi; quindi non pensate di barare usando direttamente il latte freddo!

    Vivere per sempre non è possibile; ma vivere bene, molto spesso dipende da noi e da quello che mangiamo

    Buona vita e buona rivoluzione

    Bibliografia
    1) Araujo CAC, Leon LL. Biological activities of Curcuma longa L. Mem. Inst. Oswaldo Cruz. 2001; 96:723-728.
    2) Kumar S, Narain U, Tripathi S, Misra K. Synthesis of curcumin bioconjugates and study of their antibacterial activities against beta-lactamase-producing microorganisms. Bioconjug. Chem., 2001; 12:464-469.
    3) Negi PS. Antibacterial activity of turmeric oil: a byproduct from curcumin manufacture. Journal of Agricultural and Food Chemistry. 1999; 47:4297-4300.
    4) Ruby AJ, Kuttan G, Dinesh Babu K, Rajasekharan KN, Kuttan R. Antitumor and antioxidant activity of natural curcuminoids. Cancer Lett. 1995; 94:79-83
    5) Sharma OP. Antioxidant activity of curcumin and related compounds. Biochem. Pharmacol. 1976; 25:1811-1812
    6) He ZY, Shi CB, Wen H, Li FL, Wang BL, Wang J. Upregulation of p53 expression in patients with colorectal cancer by administration of curcumin. Cancer Invest. 2011;29(3):208-213
    7) Tsui KH, Feng TH, Lin CM, Chang PL, Juang HH. Curcumin blocks the activation of androgen and interlukin-6 on prostate-specific antigen expression in human prostatic carcinoma cells. J Androl. 2008;29(6):661-668. doi:10.2164/jandrol.108.004911
    8) Termini D, Den Hartogh DJ, Jaglanian A, Tsiani E. Curcumin against Prostate Cancer: Current Evidence. Biomolecules. 2020;10(11):1536. Published 2020 Nov 10. doi:10.3390/biom10111536
    9) Hallman, Kelly, et al. “The effects of turmeric (curcumin) on tumor suppressor protein (p53) and estrogen receptor (ERα) in breast cancer cells.” Breast Cancer: Targets and Therapy 9 (2017): 153
    10) Aggarwal, Bharat B., et al. “Curcumin‐free turmeric exhibits anti‐inflammatory and anticancer activities: Identification of novel components of turmeric.” Molecular nutrition & food research 57.9 (2013): 1529-1542.
    11) Nasri, Hamid, et al. “Turmeric: A spice with multifunctional medicinal properties.” Journal of HerbMed Pharmacology 3 (2014).
    12) Krup, V., L. Hedge Prakash, and A. Harini. “Pharmacological activities of turmeric (Curcuma longa Linn): A review.” J Homeop Ayurv Med 2.133 (2013): 2167-1206
    13) . Rai PK, Jaiswal D, Mehta S, Rai DK, Sharma B, et al. (2010) Effect of curcuma
    longa freeze dried rhizome powder with milk in stz Induced diabetic rats. Indian
    J Clin Biochem 25: 175-181
    14) Chainani-Wu N. Safety and anti-inflammatory activity of curcumin: a component of tumeric (Curcuma longa). J Altern Complement Med. 2003;9(1):161-168
    15) Ravindran J, Subbaraju GV, Ramani MV, Sung B, Aggarwal BB. Bisdemethylcurcumin and structurally related hispolon analogues of curcumin exhibit enhanced prooxidant, anti-proliferative and anti-inflammatory activities in vitro. Biochem Pharmacol. 2010;79(11):1658-1666
    16) Kulkarni, S. K., Ashish Dhir, and Kiran Kumar Akula. “Potentials of curcumin as an antidepressant.” TheScientificWorldJOURNAL 9 (2009): 1233-1241

     

    Potrebbe interessarti anche:

    Summary
    Il Latte d’Oro (Golden Milk): ottima bevanda e prezioso rimedio ayurvedico
    Article Name
    Il Latte d’Oro (Golden Milk): ottima bevanda e prezioso rimedio ayurvedico
    Description
    Conosciamo il Latte d'Oro, prezioso e antico alleato che da "rimedio della nonna" può diventare anche un'esperienza gourmet
    Author
    Publisher Name
    CHE Food Revolution
    Publisher Logo