Regali sostenibili fatti in casa e che nessuno vorrà mai riciclare

    Regali sostenibili fatti in casa e che nessuno vorrà mai riciclare

     

    Fare un regalo sensato è un’arte. Ciononostante per sorprendere e far felice il prossimo con un dono, non dovete essere né ricchi, né “laureati nelle Belle Arti”.
    I regali sostenibili sono molto di moda, specialmente negli ultimi anni; e non lo penso solo io: basta digitare le testuali parole sul motore di ricerca più utilizzato, per ottenere oltre 10 milioni di risultati!
    Tuttavia dubito fortemente che per far felice un amico o un parente “ambientalista doc”, comprare l’ennesimo kit per la coltivazione di funghi, le matite piantabili o il set per i germogli, dal “temibile e colossale cartello per gli acquisti online”, possa garantire il successo agognato.
    Perciò vorrei specificare subito che con la dicitura “regali sostenibili”, ovviamente mi riferisco ai pensieri tangibili che possiamo preparare noi in casa, con l’impegno e amore sincero che meritano i nostri cari.
     

    Per come la vedo io un regalo per essere sostenibile deve:
     

    – essere realizzato con ingredienti locali e/o provenienti dal commercio equo-solidale: si riducono così emissioni CO2 e le conseguenze negative sul clima; inoltre si genera un input sull’economia locale, ovvero il bene comune dei lavoratori;

    – contenere zero plastica (tranne quella da riciclare): quest’anno facciamo un regalo anche all’ambiente e alle future generazioni, evitando gli oggetti e imballaggi contenenti plastica; come si sa la plastica è ovunque, persino nel latte materno;

    – essere utile a chi lo riceve: basta soprammobili o oggetti che non servono a nessuno; è il momento di ridurre, se non azzerare, il consumo sconsiderato.
     

    Ed eccovi alcune idee deliziose per regali sostenibili che nessuno vorrà mai riciclare!


    Idea numero 1Marmellata fatta in casa

    Con frutta biologica e locale, magari con poco zucchero: è il regalo preferito da mio marito, visto che ama il suo porridge dolce e profumato.
    Se quest’anno l’amico in questione si è comportato proprio bene, potete essere più generosi e regalare un bel cesto di marmellate miste; per esempio limoni, arance e castagne (scopri qui come si prepara la marmellata di castagne).
    Per la marmellata di limoni potete usare 600 grammi di limoni non trattati, 200 grammi di zucchero di canna e 75 g di acqua, con la seguente procedura:
    l
    asciate in ammollo le fette dei limoni (ben lavati) per 2 notti, cambiando l’acqua almeno 2-3 volte. Poi fate bollire insieme allo zucchero e l’acqua per circa 1 ora; dopodiché mettetela nei barattoli seguendo le procedure indicate dal ministero della salute
     

    Idea numero 2Pomodori secchi sott’olio

    Ne ho ricevuto un bel barattolo proprio qualche giorno fa: con tutta la mia buona volontà è difficile farli arrivare al pranzo di Natale, per quanto sono buoni.
    Dunque se mi avete dato ascolto, producendo da voi i pomodori secchi per l’inverno, ora dovreste avere la materia prima per il regalo sostenibile numero due.
    Ma tranquilli, nel caso ne siate sprovvisti (leggi questo articolo per la prossima stagione dei pomodori) potete anche acquistarli: meglio se bio, tant’è che non costano molto neanche così.

    Il procedimento è facilissimo:

    mettete in ammollo i pomodori secchi con aceto di vino rosso (o solo acqua; oppure inseriteli nell’olio a secco, senza ammollo); dopo averli strizzati dell’aceto adagiateli in un barattolo sterilizzato, insieme al sale grosso, aglio qb, capperi, timo, origano (opzionale); riempite con olio evo, pressando tutto per bene in modo tale da far uscire le bolle d’aria.

    Potete anche regalarli senza mettere sottovuoto, da tenere in frigo per un massimo di 7 gg; altrimenti eseguite il procedimento classico della conserva (resistono 3 mesi), sempre seguendo le istruzioni del ministero della salute.
     

    Idea numero 3 – Verdure latto-fermentate (Sauerkraut) ricche di probiotici

    Ecco un regalo decisamente salutare, facile da preparare e veramente molto economico, persino utilizzando le verdure biologiche e di stagione: d’altronde, quanto volete che costino i cavoli!
    Farete centro se chi riceverà questo regalo sostenibile, è una persona consapevole del valore e l’importanza dei probiotici.

    Il procedimento è semplicissimo:

    lavate bene un cavolo cappuccio e tagliatelo finemente a strisce. In un contenitore capiente impastatelo con del sale di roccia o sale marino non iodato (deve avere una concentrazione del 2,5% per 1 chilo di verdura – in altre parole utilizzate circa 1 cucchiaio di sale) e fate uscire così i liquidi presenti tra le pareti cellulari.
    In un barattolo capiente e sterilizzato inserite 1 aglio, dei semi di coriandolo, alloro e semi di pepe nero se volete; aggiungete le strisce di cavolo insieme alla sua acqua e ripetete almeno 2-3 volte la farcitura con l’aglio e il resto.
    Appoggiate un peso sopra a tutto, in modo tale da lasciare i cavoli immersi nella loro acqua, poi chiudete il tappo.
    Sfiatate ogni 24 ore per 5 giorni consecutivi lasciando in un luogo buio e fresco (in caso contrario, il rischio d’esplosione per via dei gas prodotti dai batteri dell’acido lattico, è più che probabile).
    Dopo una decina di giorni i vostri crauti saranno pronti e ricchi di probiotici: iniziando oggi, li porterete alla tavola di del capodanno.
     

    Idea numero 4 – Un bel bouquet di erbe e fiori commestibili

    No, la stella di Natale non è una buona idea regalo per un’ambientalista, anche se per un fine superiore (mi riferisco all’AIL: semmai effettuate la donazione senza prendere la pianta).
    Per poter coltivare una pianta tropicale in un clima temperato come il nostro, occorrono le serre; e dato che è una pianta fotoperiodica, necessita di tanta illuminazione e molti fitochimici.
    In alternativa vi propongo un bel bouquet, in grado di soddisfare tutti i sensi e ricco di proprietà nutraceutiche.
    Per far sì che rimanga un regalo sostenibile, comprate rigorosamente erbe e odori provenienti dall’agricoltura biologica: alla fine non costano poi molto.
    Il bouquet da me ricevuto recentemente contiene alloro, timo, menta e rosmarino: bellissimo e profumatissimo. Ma potreste arricchirlo ancora con i peperoncini secchi, fiori di nasturzio, o calendule (per chi vive nelle zone calde).
    Rovistate in casa tra le cose da riciclare per incartarlo: nel caso non troviate nulla, un tovagliolo di tessuto verrà molto apprezzato.
     

    Idea numero 5 – Biscotti profumati e dietetici

    Una bella scatola di biscotti, con poco olio extravergine di oliva, farina integrale, pochi zuccheri (rigorosamente di canna integrale) e che possano mantenere la loro friabilità per ben 20 giorni, porta subito in casa lo spirito natalizio.
    Le ciambelline al vino sono vegane e si possono preparare con le scorze di arancia e cannella, o con i semi di finocchi oppure con le nocciole (per vedere la ricetta semplicissima cliccate qui).
     

    Idea numero 6 – Rotoli di frutta ripieni di frutta secca

    Un regalo prelibato e salutare, al 100% naturale che conquisterà proprio tutti… Ma destinato solo agli amici veri: in quanto un po’ più di impegno rispetto alle altre ricette lo richiede, se non avete già l’ingrediente principale: la pelle di frutta (in questo articolo potete vedere come realizzarla con la frutta di stagione).
    Nel caso invece l’abbiate già, il procedimento è semplicissimo: basta tagliarla a strisce, riempire con una farcia contenente le noci e del burro di arachidi (o di mandorle) e creare dei piccoli rotoli da mangiare in un boccone.
    Poneteli dentro i pirottini e create una confezione che possa aggiungere un tocco di magia al più buono dei regali sostenibili.
     

    Idea numero 7Un mix di tisana per le lunghe notti invernali

    Basta recarsi dall’erboristeria e comprare a piacere la frutta e erbe secche che vi piacciono di più e regalarle da sole o con mix seducenti.
    Io parto avvantaggiata in quanto adoro andare a foraging, ovvero raccogliere gli ingredienti freschi dalla natura stessa ed essiccarli da me: come il tiglio, ibiscus, camomilla, eucalipto, malva, fiori di more, fiori di rose, fiori di melograno ecc. Oppure la frutta fresca o essiccata come le mele, arance, rosa canina, limoni, frutti rossi, mela cotogna; e naturalmente le spezie come la cannella, chiodi di garofano, cardamomo, anice stellato, menta, rosmarino, salvia ecc.
    Il mix che preferisco quando mi sento giù fisicamente è composto da: fiori e foglie di tiglio, bucce di limoni, arancia, zenzero essiccato o fresco, bastoncini di cannella; da completare con 1 cucchiaio di miele e succo di limone.
    Quando voglio invece una tisana
    romantica e rassicurante utilizzo: bastoncini di cannella, chiodi di garofano, karkadè, mele essiccate e qualche fiore di rosa; già dolce di sua grazie alla presenza di mela e cannella, non richiede altri dolcificanti.
     

    Idea numero 8 – Potpourri di fermenti lattici, lieviti e microrganismi in generale

    L’autoproduzione è la chiave di un’esistenza sostenibile; non dover mai più acquistare il pane, yogurt, kefir, kombucha e simili, è il regalo più bello da ricevere quando si hanno a cuore i temi legati alla salute e all’ambiente.
    Il lievito madre è facilmente preparabile a casa (leggi qui la mia guida di successo); mentre per lo yogurt, grani di kefir (sia di latte che acqua) e lo scoby di kombucha, dovete rivolgervi agli spacciatori (detti anche donatori). L’unica cosa da fare è igienizzare i contenitori di vetro e aggiungervi qualche cucchiaio del vostro tesoro, compiendo così la più bella dimostrazione d’amicizia: la condivisione.
    Allo stesso modo, regalare direttamente il pane di lievito madre con la farina di carruba, il pane di farro con lievito madre liquido, lo yogurt, il kefir o la kombucha già pronti, per alcuni amici potrebbe essere ancor più apprezzato.
     

    Idea numero 9 – Granola salutare fatta in casa

    Ormai sono molti gli italiani che hanno chiuso con il cornetto e cappuccino; e la tendenza più amata per le colazioni è la Granola (una sorta di muesli cotto al forno, perciò croccante e molto gustoso); ma quelle in commercio sono spesso piene di zuccheri e grassi di dubbia qualità.
    Tra l’altro preparare la Granola a casa con ingredienti sani e gustosi è davvero troppo facile ed economico: si potrebbe fare solo per il profumo che emana!

    400 g di fiocchi d’avena
    200 g di frutta secca come nocciole, mandorle, noci, semi di zucca o girasole
    200 g di uvetta, frutti rossi, albicocche essiccate
    40 g di olio evo
    100 g di miele
    la scorza e succo di un’arancia

    Mescolate olio, succo di arancia e miele in un contenitore; aggiungete i fiocchi di avena e la frutta secca tagliata (tranne l’uvetta o frutti rossi) e cuocete per 20 minuti circa al forno a 150 gradi; dopodiché unite anche la frutta essiccata e cuocete per altri 15 minuti.
    Una volta freddata potete versarla nei contenitori che utilizzerete per questi deliziosi regali sostenibili, salutari e molto apprezzati.
     

    Idea numero 10 – Germogli coltivati da voi

    Nessuno può rimanere indifferente alla tenerezza e alla ricchezza nutraceutica dei germogli.
    Sono i regali favoriti di chi vuole andare sul sicuro; in più c’è proprio l’imbarazzo della scelta: alfa alfa, lenticchie, broccoli, fagioli mungo, senape, cavoli rossi (anche bellissimi da vedere) aspettano di diventare una gioia per gli occhi e per il sistema immunitario. Costano poco e le uniche due cose che richiedono sono l’acqua e un po’ di amore; e soddisfano tutti i criteri dei regali sostenibili: locale, senza plastica e molto utile.
    Per scoprire tutti i passaggi puoi leggere qui.
    Cari amici e care amiche, qualunque cosa abbiate deciso di regalare, sono certa che verrà apprezzata di cuore.
    Altrimenti potete sempre fare una donazione a nome della persona destinataria del regala, a favore delle associazioni ambientaliste; o anche a favore di CHE Food Revolution che cerca di portare un po’ di consapevolezza alle vostre scelte alimentari, senza l’interferenza fastidiosa delle pubblicità!
     

    Buona rivoluzione, buon natale e buon appetito a tutti

     

    Potrebbe interessarti anche:

    Se ritieni importante il mio lavoro, il tuo supporto è fondamentale:
    una piccola donazione porterà avanti la Rivoluzione!
    Grazie

    Summary
    Regali sostenibili fatti in casa e che nessuno vorrà mai riciclare
    Article Name
    Regali sostenibili fatti in casa e che nessuno vorrà mai riciclare
    Description
    La friggitrice ad aria è davvero salutare? Può davvero sostituire tutte le pentole? Scopriamolo analizzando tutti gli aspetti
    Author
    Publisher Name
    CHE Food Revolution
    Publisher Logo